Halo e Control: architetture del sublime e del potere

on

|

views

and

comments

Come ha elegantemente suggerito Christof Thoenes, nei secoli gli architetti sono stati non solo ideatori e costruttori, ma anche scrittori. Laddove non letteralmente, le loro parole e i loro principi sono stati adattati alla pietra, al marmo, posti su colonne e colonnati, sorretti da archi, chiusi da tetti. Non si tratta solo di una storia a cui appartenere, ma di un concetto da tramandare.

Nell’idea comune, l’architettura è quasi sempre uno strumento funzionale e strutturale, ossia con un ruolo pratico nella vita di tutti i giorni. Non è mai stato così, in realtà. Nel mondo, nelle culture e nelle epoche, il modo in cui ordiniamo e costruiamo i nostri edifici, per qualsivoglia scopo da ricoprire, ottempera a varie necessità e funzioni diverse, che non sempre corrispondono a quella più ovvia: mettere un tetto sopra le teste per ripararci dalle intemperie e dai pericoli.

Categorie Popolari

G20 clima, flop di Draghi. Tetto entro 1,5 gradi, ma salta la data del 2050

Il G20 voluto da Mario Draghi a Roma, con il mainstream mediatico pronto, come sempre, a osannare il presidente del Consiglio, ha partorito...

L’Assocalciatori a Peio nel ritiro del Cagliari per parlare di Covid e altro

Il presidente Calcagno ha parlato con i rossoblù anche di vaccinazioni e di accordo collettivo ⛰ La giornata di oggi si chiude a Pejo con...

Nández, si riapre il dialogo oltre Manica

Il Cagliari deve risolvere la grana Nández, con il centrocampista ai box in attesa di partire altrove e i contatti riallacciati con l’InghilterraDISORIENTATO....

Articoli recenti

Più così